Terme in Toscana

La Toscana è la regione termale per eccellenza. Possiede il maggior numero di località termali in Italia. Le acque termali toscane sono molto rinomate per il potere curativo e rigenerante e la loro posizione  in location mozzafiato.

Stai organizzando la tua vacanza in Toscana? Perché non approfittare delle sue numerose località termali e concederti un po’ di relax?

Le terme in Toscana- una tradizione antichissima

La tradizione termale toscana ha origini molto antiche. Gli Etruschi furono i primi a scoprire le sorgenti di acqua calda, ma soltanto i Romani capirono come sfruttarne i benefici; costruirono i bagni termali così come li conosciamo oggi.
a
Nasce così l’idea del relax. Andare alle terme significava non solo prendersi cura del corpo, ma anche della mente, oltre ad essere punto di ritrovo per socializzare.

Vacanze termali in Toscana – riscopri il piacere di prenderti cura di te stesso

Oggi le stazioni termali sono diventate dei veri e propri centri estetici, con servizi sempre più all’avanguardia, per rigenerarsi dalla vita frenetica di tutti i giorni.

Un esempio di offerta molto gettonata è il pacchetto Day Spa, cioè una giornata alle terme che comprende l’utilizzo di vasche idromassaggio, percorsi hammam, bagno turco, sauna, massaggi di vario tipo e tisana rilassante. Il tutto accompagnato dal kit spa con accappatoio e ciabatte.

Le località termali più belle della Toscana - location e curiosità

Se pensi di trascorrere la tua vacanza in Toscana, qui troverai le migliori destinazioni termali dove potrai ritrovare le energie perse e con l’occasione scoprire i dintorni, come ad esempio:

  • la Via Francigena
  • la Valdorcia
  • la Maremma

Chianciano

Al confine tra la Valdorcia e la Valdichiana è una località che è stata molto amata dagli artisti. Personaggi del calibro di Pirandello e Fellini sono stati ispirati dalle sue terme, come dimostrano i due romanzi del premio Nobel “Acqua Amara” e “Palmino e Mimì” , e il capolavoro autobiografico del famoso regista “8 e ½”.   

Conosciuta soprattutto per il trattamento di fegato, reni e vie aeree, oggi dispone di “terme sensoriali”; un percorso depurativo, rilassante, energizzante e riequilibrante, oltre a numerosi trattamenti di naturopatia.

Rapolano

Situata nello splendido scenario delle Crete Sensi, le sue terme ospitarono un Garibaldi ferito in cerca di cure dopo la battaglia dell’Aspromonte.

Oggi possiede due complessi che offrono servizi innovativi in ambito medico e estetico.

Gambassi

E’ attraversata dalla Via Francigena e le sue terme fanno parte del progetto “Parco Benestare”, concept di parco senza confini, con due percorsi di trekking ad anello, che si inseriscono nel territorio tra Gambassi Terme e Montaione.

La struttura termale invece è di recente costruzione. Infatti è stata inaugurata a Maggio 2015 e offre servizi che prediligono trattamenti con acqua fredda.

Sassetta

Nel panorama della Val di Cornia, è un antico borgo medievale a soli 5 km dalla Costa degli Etruschi, lungo la Strada del Vino.
Le sue terme sono situate in uno scenario molto romantico, immerse in un bellissimo bosco di macchia mediterranea.

Montepulciano

Famosa soprattutto per il suo Vino Nobile di Montepulciano si trova in una zona particolarmente ricca di paesaggi suggestivi, come le Crete, il Monte Amiata e le colline della Valdorcia.
Le principali caratteristiche delle sue terme sono le piscine di acqua salina di Sant’Albinio e la “Grotta Lunare” , ossia uno spazio termale che ricrea il cielo stellato.

Bagno Vignoni

Bellissimo borgo della Valdorcia, conosciuto per la sua caratteristica vasca centrale nella Piazza delle Sorgenti e i suoi mulini. In passato soleva ospitare personaggi come Santa Caterina da Siena, Lorenzo il Magnifico e Papa Pio II. Inoltre era molto frequentata dai pellegrini che percorrevano la Via Francigena. Le sue acque sono le più calde di tutta la Toscana, con temperatura costante di 52°C.
Oggi, oltre allo storico stabilimento termale comunale, possiede tre centri benessereL’accesso alla vasca centrale è chiuso al pubblico da ormai dieci anni per questioni di decoro. 

Le terme libere in Toscana: benessere a costo zero

Sei in vacanza in Toscana e ti senti avventuriero? Stai superando il tuo budget, ma non vuoi rinunciare ai piaceri delle sorgenti termali? Sappi che in Toscana sono molti i luoghi dove potrai godere delle sue acque prodigiose (senza sborsare un centesimo!)
Di seguito troverai alcuni esempi di quelle più incantevoli.

San Casciano dei Bagni

Ai piedi del Monte Cetona, ai margini della Valdorcia, è un ottimo punto di partenza per chi vuole esplorare  il territorio di confine, come l’Amiata e i laghi Trasimeno e Bolsena.
Possiede ben 42 sorgenti termali con un acqua molto ricca di minerali a 40° circa.
Sebbene vi sia anche un lussuoso resort, le sue terme libere non sono da meno. E’ possibile fare il bagno nei suoi antichi lavatoi, che rievocano un benessere dal gusto retrò. I due bagni più importanti sono:

  • il Bagno Grande, con il suo idromassaggio naturale dovuto alle bolle gassose della sorgente;
  •  il Bagno Bossolo, molto indicato per curare le scottature.

Bagni di San Filippo

Anch’esso in Valdorcia, è un luogo molto apprezzato dagli amanti della natura, grazie alla vegetazione fiorente circostante. Sono molto particolari le formazioni calcaree delle rocce, che lo rendono un paesaggio dal carattere fiabesco. La più particolare di queste formazioni ha preso le sembianze di un cetaceo; infatti questa roccia è conosciuta con il nome di “Balena Bianca”.

Petriolo

Nella provincia di Siena, ai confini con la Riserva Naturale della Bassa Merse, la caratteristica principale della sua acqua è il penetrante odore di zolfo. Presenta numerose vasche naturali, dove si incontrano acque fluviali e minerali. Ne risulta un acqua con temperatura particolarmente favorevole per i bagni rilassanti. Inoltre è possibile scorgere i resti delle antiche terme romane.

Saturnia

Nel cuore della Maremma, è  il complesso di terme più famose di tutta la Toscana. L’origine del suo nome è piuttosto incerta. Si narrano due leggende:

  • la prima narra che il Dio Saturno, adirato con gli uomini per la continue guerre, scagliò i suoi fulmini proprio in questa zona, che ne scaturì la fuoriuscita di acqua sulfurea;
  • la seconda sostiene che Giove, in lotta contro il padre Saturno per il trono, lo scaraventò dal cielo e questo, cadendo, formò un cratere da dove iniziò a sgorgare “acqua miracolosa”.

Oggi presso la sorgente si erge  un resort con spa e golf club, ma proseguendo lungo il torrente Gorello si trovano invece le suggestive “cascate del Molino”. Di notevole bellezza, presentano uno scenario onirico, poiché costantemente avvolto da enormi nubi di vapore.

Bagni di San Michele alle Formiche

Nella Valdicecina, non lontano da Volterra, è una struttura termale risalente al XIII secolo circa. Fu acquistata da François Jacques de Larderel, noto ingegnere francese che promosse lo sfruttamento industriale dei soffioni boraciferi. Nel XX venne abbandonata definitivamente. Ad oggi conserva ancora una stanza dipinta di azzurro con una vasca quadrata alimentata da un pozzo di acqua sulfurea, limpida, non molto calda.
Vicino si trova anche l’Eremo e l’Abbazia fondata dai monaci celestini, anch’essi ormai abbandonati.

Torna all'elenco articoli