Campagna

Pensando alla Toscana non si può fare a meno di andare con la mente ai paesaggi rurali e alle campagne incontaminate che l'hanno resa celebre nel mondo e ne fanno un territorio unico. Le colline e i dolci pendii, i campi coltivati e i vigneti e le olivete a perdita d'occhio, i castelli e i borghi medieval: questi, sono i panorami suggestivi tratto distintivo della nostra terra e dei quali non si può che rimanere incantati.

Le colline del Chianti senese e fiorentino, da sempre zone vocate alla viticoltura e alla produzione di grandi vini, con i loro paesaggi collinari e le secolari tradizioni agricole. Le Crete Senesi e la splendida Val d'Orcia, dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità, con i suoi terreni argillosi e i tipici filari di cipressi a disegnare i profili dei colli.La Garfagnana coperta da boschi selvaggi rigogliosi e ricchi di acque. La Maremma con la sua macchia mediterranea e le vestigia della storia etrusca.

Si tratta di territori che, pur disponendo di servizi turistici all'avanguardia, riportano il viaggiatore indietro nel tempo, facendolo immergere in un passato carico di storie e memorie mantenute vive grazie all'amore degli abitanti.

Cosa fare in vacanza nella campagna toscana

In campagna in Toscana è possibile organizzare molti tipi di escursioni, il modo migliore probabilmente per vedere e toccare con mano i colori, i sapori e i gusti tipici della campagna toscana e di assaporare i prodotti enogastronomici della tradizione culinaria e vitivinicola.

Le bellezze della campagna toscana sono note al mondo anche grazie ai numerosi film, libri e spot pubblicitari che l'hanno scelta come set o come ambientazione dei propri racconti, al punto che molti registi l'hanno definita un set a cielo aperto.

E per finire, un consiglio: ok, le foto al paesaggio e al cibo che si gusta per la prima volta, ma tutte queste esperienze sono più belle se non si vedono attraverso uno schermo. Quindi, perché non provare almeno per un pochino a godersi il momento? Ad ascoltare i suoni della natura e lasciare che siano questi a raccontarci una storia?

Torna all'elenco articoli